The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

RUSSIA. Pezzi di URSS cadono dal cielo

L’Unione Sovietica ha lanciato un totale di 33 satelliti dotati di unità nucleari di bordo tra il 1965 e il 1988, nel tentativo di monitorare le navi della Nato. Il Consiglio per l’esplorazione spaziale dell’Accademia Russa delle Scienze, Ras, ha in programma di raccomandare ai Ministeri e ai dipartimenti competenti del Paese di tenere d’occhio gli oggetti ad energia nucleare nello spazio, in modo da prevedere i possibili rischi di una loro caduta sulla Terra, secondo una dichiarazione del Consiglio firmata dal capo della Ras Alexander Sergeyev, ripresa da Sputnik.

Nella dichiarazione, il Consiglio ha indicato specificamente i ministeri russi della Difesa, delle Comunicazioni e delle Emergenze, nonché la Corporazione spaziale statale, Roscosmos, la Corporazione energetica statale atomiсa, Rosatom, e il Servizio federale per l’idrometeorologia e il monitoraggio ambientale.

Il loro compito sarà quello di «monitorare gli oggetti spaziali con fonti di energia nucleare e le loro parti nel contesto dell’analisi dell’inquinamento antropico dello spazio esterno vicino alla Terra e prevedere i possibili rischi di un ritorno incontrollato di tali oggetti nell’atmosfera».

Il comunicato è uscito dopo che Sergey Meshcheryakov, all’era boss di Roscosmos, ha affermato nel 2019 che i vecchi satelliti sovietici a energia nucleare rappresentano una minaccia per altri oggetti spaziali.

Meshcheryakov ha affermato che una nuvola di goccioline di potassio-sodio espulse dai reattori nucleari può mettere in pericolo le navicelle spaziali che operano a circa 1.000 chilometri di altitudine. La lega sodio-potassio è stata usata come refrigerante nelle centrali nucleari Buk installate sui satelliti sovietici. Nel luglio 2019, poi Meshcheryakov è stato arrestato con l’accusa di alto tradimento.

Tra il 1965 e il 1988, l’Unione Sovietica ha lanciato in totale 33 satelliti attivi, con all’intimo un reattore nucleare in orbita vicino alla Terra, che hanno il compito di monitorare le flotta dell’Alleanza Atlantica e i mercantili con l’aiuto di un radar. L’inserimento di un’unità di energia nucleare era necessario a causa della mancanza di energia derivante dalle batterie solari utilizzate dai radar dei satelliti. Per motivi di sicurezza, i satelliti sono stati portati in orbita terrestre alta a fine vita operativa.