The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

RUSSIA. Mosca non ascia altri tagli alla produzione di petrolio

È improbabile che la Russia accetti di fare ulteriori tagli alla produzione petrolifera durante la riunione Opec+ prevista per il mese prossimo, ma potrebbe impegnarsi ad estendere i vincoli esistenti per sostenere l’Arabia Saudita. 

Nell’ultimo sviluppo dell’accordo, l’Opec, la Russia e alcuni altri grandi produttori di petrolio, hanno deciso di tagliare la loro produzione combinata di petrolio di 1,2 milioni di barili al giorno a partire dal 1° gennaio. L’accordo durerà fino alla fine di marzo.

«Le consultazioni serie non sono ancora iniziate. Il differimento sembra più probabile. La Russia non può ridurre di più in inverno. Ma le sorprese sono sempre una possibilità», prosegue l’agenzia citando fonti Opec.

Durante il mese di novembre la Russia ha aumentato la sua produzione di petrolio a 11,25 milioni di barili al giorno (bpd), mancando i suoi obiettivi di produzione. Nell’ambito del patto con i produttori di petrolio Opec e non Opec, la Russia dovrebbe limitare la produzione a circa 11,17-11,18 milioni di barili al giorno.

Anche le forniture di gas naturale russo alla Cina, che inizieranno il prossimo mese, aumenteranno la produzione di condensazione del gas, parte del mix petrolifero. A fronte di questo sta la notizia in base alla quale le aziende petrolifere russe stanno cercando di aumentare la loro produzione nel 2020 per sostenere il bilancio statale.

Alexei Kudrin, alleato vicino di Putin e capo della Camera di revisione contabile russa, ha detto che la spesa preventivata della Russia sarà di 1 trilione di rubli, pari a 16 miliardi di dollari, inferiore quest’anno rispetto all’anno precedente.

Inoltre, le esportazioni di petrolio greggio dell’Arabia Saudita sono scese al minimo storico di 6,67 milioni di bpd a settembre, quando il Regno è stato colpito da attacchi alle sue infrastrutture petrolifere che hanno fatto cadere il 5% dell’offerta giornaliera generale offline per settimane.

Secondo i dati pubblicati lunedì dal database della Joint Organisations Data Initiative, che raccoglie le cifre auto-riportate da 114 paesi, ripresi da Oil Price, le esportazioni saudite di petrolio greggio a settembre sono diminuite di 211.000 bpd da agosto.

A causa dell’attacco al petrolio saudita, la produzione totale dell’OPEC è crollata di 1,318 milioni di bpd da agosto a 28,491 milioni di bpd in settembre. Questo è stato il calo mensile della produzione dell’Opec in più di un decennio e mezzo.

Secondo le fonti secondarie dell’OPEC, la produzione in Arabia Saudita è scesa di 1,28 milioni di bpd a 8,564 milioni di bpd in settembre. I sauditi, tuttavia, si sono autodichiarati all’OPEC che la produzione è scesa di appena 660.000 bpd in settembre da agosto, a 9,129 milioni di bpd.

In ottobre la produzione dell’Arabia Saudita si è ripresa, secondo i dati ufficiali dell’Opec pubblicati la settimana scorsa. La produzione di petrolio greggio dell’OPEC è balzata di quasi 1 milione di punti base in ottobre rispetto a settembre, l’Arabia Saudita ha così compensato le perdite in Ecuador, Iraq e Nigeria.