The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

RUSSIA. L’Africa si arma con Mosca

Secondo l’Amministrazione russa, negli ultimi sei mesi i paesi africani hanno ordinato alla Russia hardware militare per un valore di circa un miliardo di dollari. Il direttore del Servizio Federale per la Cooperazione Tecnico-Militare, Fsvts, Dmitry Shugaev, ha detto, riporta Interfax, che «i rappresentanti della maggior parte dei paesi africani hanno confermato la disponibilità a sviluppare una cooperazione strategica con noi, anche in ambito tecnico-militare. Molti hanno espresso interesse per l’acquisto di attrezzature militari e di armi, per l’aumento delle quote di formazione del personale nazionale e per l’assistenza ai nostri specialisti in vari tipi di consultazioni. Ma la cosa più importante è che dall’ottobre 2019 nel portafoglio degli ordini dei Paesi africani per le armi russe  si è aggiunto circa un miliardo di dollari. Così, il vertice di Sochi ha dato un impulso tangibile, reale, alla nostra cooperazione con i Paesi del continente», riporta Defence Web.

Shugaev ha aggiunto che, nonostante l’opposizione e le sanzioni «stiamo andando avanti (…) Abbiamo un buon inizio: all’inizio di quest’anno, il portafoglio ordini era stimato a circa 55 miliardi di dollari. È importante che questa tendenza si sia mantenuta negli ultimi anni nell’ordine di 53-56 miliardi di dollari». Nel 2019 i maggiori clienti della Russia erano la Cina, l’India e l’Egitto; anche Turchia è stata un cliente importante, acquisendo i sistemi di difesa aerea S-400.

Secondo Shugaev, il 45% delle esportazioni militari russe sono legate all’aviazione, quasi un terzo delle attrezzature di difesa aerea e circa il 15% dei sistemi terrestri. Il resto è costituito da attrezzature navali e altri prodotti. Per quanto riguarda il covid-19, Shugaev ha detto che il virus potrebbe avere un impatto sul settore della difesa e ha già rallentato i negoziati con la Cina.

Secondo lo Stockholm International Peace Research Institute, Sipri, le esportazioni di armi russe rappresentavano il 21% del totale delle esportazioni di armi nel mondo nel 2015-19, ma erano inferiori del 18% rispetto al 2010-14. Sebbene l’India sia rimasta il principale destinatario di armi russe nel 2015-19, rappresentando il 25% del totale, le esportazioni di armi russe verso l’India sono diminuite del 47% tra il 2010-14 e il 2015-19.

Nel periodo 2015-2019 la Russia ha consegnato armi importanti a 47 Stati. Il 55% delle sue esportazioni di armi è andato ai tre principali destinatari: India, Cina e Algeria. A livello regionale, gli Stati dell’Asia e dell’Oceania hanno rappresentato il 57% delle esportazioni di armi russe nel 2015-19, il Medio Oriente il 19%, l’Africa il 17%, l’Europa il 5,7% e le Americhe lo 0,8%.

Le esportazioni russe di armi importanti verso il Medio Oriente sono aumentate del 30% tra il 2010-14 e il 2015-19, ha detto il SIPRI. Nel 2015-19 l’Egitto e l’Iraq sono stati i principali destinatari delle esportazioni di armi russe verso il Medio Oriente, rappresentando rispettivamente il 49 e il 29% delle esportazioni di armi russe verso la regione. Le consegne in Iraq sono aumentate del 212% rispetto al 2010-14, mentre quelle in Egitto sono aumentate del 191%. Sebbene le forze russe sostengano il governo siriano nel conflitto in Siria dal 2015, le consegne di armi russe in Siria sono diminuite dell’87% tra il 2010-14 e il 2015-19, e hanno rappresentato solo il 3,9% delle esportazioni di armi russe in Medio Oriente e lo 0,7% del totale delle esportazioni di armi russe nel 2015-19.

I dati del SIPRI hanno mostrato che nel 2019 la Russia ha esportato 300 veicoli Terminator BMPT-72 in Algeria, ha concluso la consegna di 12 caccia Su-30K in Angola, ha fornito quattro sistemi di difesa aerea Pantsyr-S1 all’Etiopia e 300 missili anticarro AT-6 e diversi elicotteri d’attacco Mi-35M alla Nigeria. L’Egitto ha ricevuto dalla Russia missili anticarro AT-16 e AT-9, un satellite da ricognizione, elicotteri d’attacco Ka-52, caccia MiG-29M e missili aria-aria AA-11 e AA-12.