The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

BIELORUSSIA. Lukashenko: “Non ci faremo incorporare dalla Russia e compriamo petrolio dovunque”

Il governo russo accenna all’incorporazione della Bielorussia in cambio del prezzo comune per il petrolio. Lo ha detto Aleksandr Lukashenko, leader bielorusso, durante l’convegno con i lavoratori della fabbrica di cartone di Svetlogorsk. Secondo lui, la leadership russa tratta l’idea dell’integrazione come l’incorporazione della Bielorussia: «Non è integrazione. È l’incorporazione. Non sarò mai d’accordo», ha detto il leader bielorusso.

Ha anche aggiunto che il popolo bielorusso non percorrerà mai questa strada. Lukashenko ha affermato che dopo la sua presidenza continuerà a difendere la sovranità della Bielorussia, ma Minsk e Mosca proseguiranno sulla strada dell’integrazione. «Non c’è niente di male», ha detto Lukashenko.

In precedenza, il presidente bielorusso aveva dichiarato che era impossibile che il suo Paese entrasse a far parte della Federazione Russa. A dicembre, gruppi di attivisti hanno tenuto manifestazioni a Minsk e a Kiev, protestando contro l’incorporazione della Bielorussia avviata dalla Russia, riporta 112 Ua.

Secondo l’agenzia bielorussa Belta, la Bielorussia continuerà a comprare petrolio in altri Paesi anche se è più costoso di quello russo, ha poi detto Lukashenko. Durante i recenti negoziati a Sochi il presidente della Russia Vladimir Putin ha messo in discussione l’opportunità della Bielorussia di acquistare petrolio da altri paesi: «Perché farlo se è ancora più costoso del petrolio russo» si è chiesto. Aleksandr Lukashenko ha dichiarato che la Bielorussia continuerà a diversificare gli acquisti: «Per non inginocchiarsi ogni anno il 31 dicembre».

Il presidente bielorusso ha sottolineato che la Bielorussia non pagherà un premio alle compagnie petrolifere russe, ancor più perché offrono petrolio ai prezzi globali: «Non chiediamo petrolio a basso costo. Compreremo il petrolio al prezzo generale e lo tratteremo. E sarà redditizio per le compagnie», ha poi detto.

«A Sochi abbiamo concordato che il governo russo e il vice capo dell’amministrazione presidenziale russa Dmitry Kozak supervisioneranno personalmente la questione e ci aiuteranno a venirne a capo. È stato inviato un segnale: se la Bielorussia negozia con qualcuno, aiutatelo a consegnare questo petrolio dalla Russia attraverso l’oleodotto. Non ho ricattato neppure uno. Ho detto che se la Russia non riuscirà a consegnare la quantità di petrolio necessaria – la Russia ha fornito solo 0,5 milioni di petrolio a gennaio o 1,5 milioni di tonnellate in meno del previsto – cominceremo a prendere il petrolio anche dall’oleodotto di transito. Ben 70 milioni di tonnellate di petrolio vengono pompate attraverso la Bielorussia per la Bielorussia e per l’Occidente. E non hanno problemi. Pompiamo questo petrolio in modo corretto e onesto. Ricordate il petrolio inquinato in estate? La Russia deve ancora pagare per questo, anche se le attrezzature delle nostre raffinerie di Mozyr e Novopolotsk sono state danneggiate, così come l’oleodotto Druzhba. Ecco perché se la Russia non riuscirà a consegnare a febbraio, prenderemo il petrolio dall’oleodotto per ottenere 2 milioni di tonnellate», ha avvertito Aleksandr Lukashenko.

Inoltre, la Bielorussia sta negoziando le consegne di petrolio dall’Unione Europea attraverso una delle linee dell’oleodotto Druzhba in modalità inversa. «Prenderemo il petrolio da Danzica attraverso l’oleodotto. Compreremo il petrolio dall’Arabia Saudita, dagli Emirati, o dagli Stati Uniti d’America», ha detto il presidente bielorusso.