The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Al via Host, vetrina internazionale per ristorazione e ospitalità

Non c’è due senza tre: stamane Sergei Shvetsov, primo vice-governatore della banca centrale russa parlando a una conferenza sui derivati finanziari ha anticipato che le autorità moscovite intendono impedire l’accesso a siti che offrono criptovalute come i Bitcoin. Nelle scorse settimane già la Cina e la Corea del Sud avevano deciso di vietare le Ico (Initial coin offering), ossia la raccolta di capitali privati da parte di startup attraverso la creazione e distribuzione di nuove criptovalute.

Secondo Shevtsov, che sembra condividere i timori dei suoi colleghi asiatici, le criptovalute sarebbero infatti uno strumento “dubbio”, che inizialmente è stato ritenuto illegale in quanto la loro emissione non viene preventivamente autorizzata dallo stato e per il fatto che potrebbero essere utilizzate per riciclaggio di denaro sporco. E anche se in seguito le autorità hanno dovuto ammettere il boom del mercato di tali strumenti, si intende controllarne gli scambi o limitarne l’accesso.