The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Volley maschile, Qualificazioni Mondiali 2018 – Italia Paese organizzatore! Russia, Francia, Serbia: pratica sbrigata. Ko la Germania di Giani

Le qualificazioni ai Mondiali 2018 di volley maschile non hanno regalato particolari sorprese. I sei tornei in programma in Europa che si sono conclusi nella giornata di ieri hanno promosso le sei favorite alla rassegna iridata che si svolgerà in Italia e in Bulgaria il prossimo anno.

Naturalmente la nostra Nazionale è già qualificata in qualità di Paese organizzatore insieme proprio alla Bulgaria e alla Polonia Campione del Mondo in carica. Diamo uno sguardo alle squadre che si sono qualificate e a quelle che dovranno passare dal torneo di ripescaggio (11-17 luglio, sede da definire):

FRANCIA – I Campioni d’Europa non hanno deluso le aspettative e hanno nettamente sconfitto la Germania nello scontro diretto più complicato di tutto il torneo. Coach Tillie ha dovuto/voluto fare a meno di Earvin Ngapeth (praticamente non ha mai giocato), il figlio e l’opposto Rouzier erano out per problemi fisici ma nonostante questo i tedeschi si sono sciolti sotto i colpi di Boyer.

OLANDA – La nobile decaduta ha rischiato contro la Slovacchia ma poi si è salvata dinanzi al suo pubblico di Apeldoorn. Gli oranjes non sono ancora al top ma con Diefebanch, Van Dijk e Abdel Aziz si può parzialmente sorridere. Per ritornare in auge, però, servirà fare molto di più.

SLOVENIA – I vicecampioni d’Europa esaltano il pubblico di Lubiana infliggendo un’importante lezione al Belgio, vincendo secondo e terzo parziale ai vantaggi dopo aver perso il primo set. Boban Kovac ha tirato fuori il meglio da Urnaut, Gasparini, Cebulj e Kozamernik: è un’ottima formazione che andrà tenuta particolarmente d’occhio.

RUSSIA – La corazzata di Shlyapnikov non ha avuto particolari problemi a vincere il girone in Estonia nonostante l’assenza di qualche uomo di spicco. È però bastata la classe di Maxim Mikhaylov per sbrigare la pratica: la Russia sarà sempre tra le favorite ai Mondiali.

SERBIA – La prima squadra a staccare il pass: Atanasijevic, Podrascanin, Stankovic, Lisinac, Kovacevic compongono un autentico squadrone che si è sbarazzato di Bielorussia, Croazia, Danimarca e Svizzera con grandissima disinvoltura. I vincitori dell’ultima World League vogliono ruggire ai Mondiali.

FINLANDIA – I nordici vincono il girone delle outsider, quello sulla carta più equilibrato con Spagna e Repubblica Ceca e senza una vera big ai nastri di partenza. Siirila, Ojansivu e Sinkkonen hanno fatto il loro, ora vedremo fin dove si spingeranno ai Mondiali.

GERMANIA – Andrea Giani non ha iniziato nel miglior modo possibile la sua avventura sulla panchina dei tedeschi. Si giocava tutto nello scontro diretto contro la Francia ma è stato spazzato via nonostante il potenziale di Fromm e Kaliberda. Ora dovrà giocare il torneo di ripescaggio: sulla carta è la squadra favorita per l’unico posto a disposizione ma attenzione al Belgio.

SLOVACCHIA – Ha messo paura all’Olanda, ora Mlynarcik e compagni disputeranno l’ultimo torneo ma partiranno sfavoriti contro Germania e Belgio.

BELGIO – La grande delusa della settimana insieme alla Germania. I Red Dragons hanno perso lo scontro diretto con la Slovenia e ora si giocheranno il tutto per tutto. I vari Rousseaux, Deroo, Ter Horst non sono bastati per fare la differenza.

La SPAGNA ha fatto l’impresa escludendo la Repubblica Ceca (grande delusa della settimana) dai ripescaggi, BIELORUSSIA ed ESTONIA avranno un’altra chance ma sulla carta saranno le più deboli del lotto. Flop della Croazia e della Grecia di Djuric, l’Austria aveva un’occasione d’oro ma si è suicidata perdendo contro la modesta Moldavia.