The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Clicca sulla regione per vedere le migliori webcam

E' stata una notte da brivido per l'est europeo e la vicina Russia. L'attesa ondata di gelo sui comparti orientali del vecchio continente si è fatta sentire tra la giornata di ieri (lunedi) e la scorsa notte. 

In alto a destra nella mappa spuntano -40°, registrati precisamente all'aeroporto di Izhma, in Russia. Sempre in alto a destra risultano frequenti le temperature sotto i -30°. La lingua di gelo si è poi allungata verso i Paesi dell'Europa orientale con frequenti punte al ribasso tra -20 e -25°. 

Più ci si muove verso ovest, più le temperature tendono a salire; il bacino del Mediterraneo in verità si presenta a sufficienza freddo così come parte della Francia e della Penisola Iberica dove troviamo valori sottozero anche consistenti. 

L'Europa centrale invece inizia a risentire del rientro più mite da ovest (freccia rossa) che dalle Isole Britanniche si incunea fin nel cuore della Germania dove i valori sono positivi. 

Nei prossimi giorni la mitezza atlantica avrà la meglio e il freddo siberiano verrà rispedito al mittente; i valori termici inizieranno ad aumentare da ovest verso est concedendo anche nevicate da addolcimento dove vi saranno le condizioni. Anche l'Italia e il Mediterraneo risentiranno ovviamente di questo aumento termico ad iniziare già dalla giornata di domani, mercoledi 20 gennaio.