The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Meteo, irruzione di aria gelida dalla Russia dal 15 gennaio

Dopo un temporaneo rialzo termico da venerdì 15 gennaio arriva una massa d'aria gelida dalla Russia: temperature in netto calo e freddi venti

Nella giornata di giovedì 14 gennaio insisteranno ancora intense correnti nord-occidentali accompagnate da aria relativamente mite che favorirà un ulteriore aumento delle temperature. In queste condizioni meteo le eventuali precipitazioni saranno ancora molto localizzate, in particolare sulle Alpi di confine e sul basso Tirreno, mentre le schiarite più ampie continueranno a interessare pianure e coste del Nord, grazie anche all’effetto dei venti di Foehn. Tuttavia, l’avvicinamento di un fronte freddo proveniente dalla Scandinavia (perturbazione n.5) riporterà nubi e qualche pioggia sul settore del medio-basso Adriatico e, soprattutto, aprirà la strada a correnti gelide nord-orientali che riporteranno le temperature al di sotto della media.

Venerdì un altro impulso perturbato (perturbazione n.6) lambirà i settori occidentali del Paese interessando marginalmente il Nord-Ovest e successivamente le Isole e la Calabria. Sabato la massa d’aria gelida invaderà tutto il Paese ma in un contesto di tempo asciutto con annuvolamenti lungo le regioni adriatiche e all’estremo Sud. Il flusso gelido nord-orientale dovrebbe interrompersi a inizio settimana, quando una nuova perturbazione (n.7) potrebbe transitare sulle nostre regioni.

Previsioni meteo per giovedì 14 gennaio

Prevalenza di cielo sereno su pianure e coste del Nord e al mattino anche su regioni adriatiche e settore ionico. Nubi più o meno compatte altrove, con nevicate sui settori di confine delle Alpi centrali e deboli piogge sul settore del basso Tirreno tra Campania, meridionale, Calabria occidentale e nord della Sicilia. Fra pomeriggio e sera isolate piogge possibili anche lungo le regioni del medio e basso Adriatico tra Abruzzo, Molise e Puglia con neve oltre 700-1000 metri sull’Appennino.
Freddo mattutino in attenuazione al Centro-Nord; temperature massime stazionarie o in leggero aumento con valori ancora sopra la media al Nord, Calabria, Sicilia e Sardegna. Venti ancora burrascosi di Maestrale sulle Isole. Molto mossi o agitati i mari di ponente.

Previsioni meteo per venerdì 15 gennaio

Schiarite al Nord-Est e lungo l’Adriatico, più ampie e durature sulle Venezie. Nubi a tratti compatte nel resto del Paese, con piogge e rovesci su bassa Campania, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna, e neve oltre 600-1000 metri sull’Appennino meridionale. A inizio giornata possibili sporadiche precipitazioni su Alpi centro-occidentali, Cuneese e Liguria, nevose a quote collinari. In mattinata non si escludono locali piogge lungo le coste tirreniche.

Temperature in calo, specie le massime che torneranno sotto la media al Centro-Sud. Venti settentrionali ancora moderati o localmente forti al Centro-Sud. Molto mossi o agitati i mari intorno alle Isole e alla Calabria.