The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

La Russia trema: subito dopo gli Europei di Glasgow saprà se ci sarà a Tokyo

A Glasgow gli Europei di vasca corta con lo squadrone russo si concluderanno l’8 dicembre. Il giorno dopo, lunedì 9, potrebbe giungere la mazzata: ovvero l’esclusione olimpica della Russia dai Giochi di Tokyo 2020 (e di Pechino 2022 e forse dagli Europei di calcio 2020). Insomma la Russia trema ancora, e c’è chi spera in Putin perchè faccia la voce grossa magari col Cio. Intanto, in attesa del 9 dicembre, il Comitato di Revisione della conformità (Crc) dell’Agenzia antidoping mondiale (Wada) ha preso posizione, raccomandando di giudicare “inadempiente” l’agenzia antidoping russa Rusada. Il Comitato esecutivo della Wada, che si riunirà a Parigi appunto il 9 dicembre, potrebbe così decidere di sospendere nuovamente la Rusada. Il Crc ha emesso questa raccomandazione dopo aver chiesto alla Russia di spiegare le “incongruenze” nei dati di laboratorio consegnati da Mosca agli investigatori della Wada lo scorso gennaio. La divulgazione di tutti i dati del laboratorio di Mosca era una condizione chiave della controversa reintegrazione della Rusada sancita nel settembre del 2018 dopo tre anni di sospensione per lo scandalo del doping di Stato in Russia, che pare sia andato avanti dal 2011 al 2015. Il capo dell’agenzia antidoping russa Rusada, Yuri Ganus, è tra l’ottimista e il preoccupato al contempo: all’agenzia di stampa russa Interfax, ha detto di ritenere tecnicamente corretta la raccomandazione del Comitato di Revisione della conformità dell’Agenzia antidoping mondiale Wada. “La Rusada – ha affermato Ganus – viene ritenuta inadempiente perché la soluzione di conformità del settembre del 2018 era condizionata a due richieste. Queste sono state rispettate formalmente ma non propriamente”. Le due condizioni per la riammissione dell’agenzia antidoping di Mosca erano il riconoscimento del fatto che in Russia per anni ha funzionato un gigantesco sistema di doping di Stato e il pieno accesso ai dati del laboratorio di Mosca da parte degli ispettori dell’Agenzia Mondiale. Ganus ha quindi spiegato che l’agenzia antidoping russa Rusada attenderà la riunione del Comitato Esecutivo Wada del 9 dicembre, “dove si discuterà delle misure che devono essere adottate e di cosa dovremo fare”.