The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

La Russia diventerà il secondo paese per numero di infetti

Il paese che grazie al farmaco fake che in Europa non era venduto perché le “big Pharma” preferivano il vaccino (come se i farmaci li producesse la signora Zarina di Mosca, la sarta della porta a lato).

Quel paese di Putin che si appresta a diventare nella prossima settimana, il secondo per numero assoluto di contagi dietro gli Stati Uniti.

Negli ultimi sette giorni la Russia ha registrato più di diecimila contagi al giorno, con un picco di 11,231 il 7 Maggio.

Insomma, un mese fa vi abbiamo parlato di come una “democratura” possa omettere dati a favore di una propaganda che fa leva su una presunta rigidità (assecondata dai cittadini più dal terrore che dal rispetto) e omettere i dati di una pandemia.

Ma fino ad un certo punto.

Perché le notizie come in Cina prima o poi escono dal paese e infatti già ad Aprile arrivavano le prime denunce dei medici russi che chiedevano aiuto nel divulgare notizie tragiche di ospedali ormai saturi e dispositivi medici per la protezione assenti.

Poco c’entra il contagio di ritorno perché la Russia è stato il primo paese in Europa ad adottare misure di contenimento estreme da e verso l’estero, in particolare dalla Cina, impedendo di fatto l’ingresso dei cittadini cinesi.

Mosca è l’epicentro

Mosca è diventata l’epicentro della pandemia nel paese.

Il sindaco di Mosca, Serghiei Sobyanin ha dichiarato giovedì, che i contagiati potrebbero essere “il 2-2,5% di tutti i cittadini di Mosca, ovvero quasi 300mila persone”.

Ad oggi la capitale conta 93.000 casi su 12.409.738 di cittadini e in tutto il paese si contano 31.916 ricoverati.

Naturalmente sotto accusa il presidente Vladimir Putin che da settimane viene ormai imputato di aver sottovalutato il pericolo e di non garantire sufficienti protezioni a medici e operatori sanitari che operano nelle strutture di tutto il Paese.