The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Strategia sicurezza Trump: Russia vuole indebolire governi Europa

Roma, 18 dic. (askanews) - La Russia sta "usando misure sovversive...per indebolire le istituzioni e i governi europei". L'afferma la nuova Strategia di sicurezza nazionale dell'Amministrazione Trump resa oggi pubblica dalla Casa bianca.Nel documento si afferma che "un'Europa forte e libera" è di vitale importanza per gli Usa. Ma, "sebbene la minaccia del comunismo sovietivo sia andata, nuove minacce mettono a azzardo" i rapporti tra Europa e America. In particolare, la Russia di Vladimir Putin."La Russia sta usando misure sovversive per indebolire la credibilità dell'impegno dell'America per l'Europa, per minare l'unità transatlantica e per indebolire istituzioni e governi europei", si legge nel documento. "Con le sue invasioni di Georgia e Ucraina, la Russia ha dimostrato la sua volontà di violare la sovranità degli stati nella regione. La Russia continua a intimidire i suoi vicini con comportamenti minacciosi, come la sua politica nucleare o con il dispiegamento avanzato di capacità offensive", continua il documento.Per questo motivo, gli Usa "approfondiranno la collaborazione con gli alleati e partner europei per affrontare le forzeche minacciano di minare i comuni valori, interessi di sicurezza e visione condivisa", a partire dalla "sovversione e aggressione russa".L'amministrazione Trump, nel documento, inoltre ribadisce la richiesta agli alleati europei che aumentino la spesa per la difesa "fino al 2 per cento del Pil entro il 2024", con il "20 per cento di questa spesa per aumentare le capacità militari". Inoltre conferma che si continuerà a "rafforzare deterrenza e difesa sul fianco Est (cioè rispetto alla Russia, ndr.) e a catalizzare gli sforzi degli alleati e dei partner sulla linea del fronte per meglio difendersi". Ancora, si lavorerà con la Nato per "migliorare le capacità integrate per affrontare le minacce di missili balistii esistenti e future, in particolare da parte dell'Iran".