The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Turista nello spazio, con passeggiata compresa: firmato il primo contratto tra Russia e USA

Secondo indiscrezioni due turisti hanno già prenotato un viaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) nel 2023. Uno di loro ha espresso il desiderio di fare una passeggiata nello spazio aperto.

La società russa RKK Energiya, impegnata nel settore dei voli spaziali, ha dichiarato di aver firmato un contratto con la compagnia americana Space Adventures per un viaggio di due turisti su navicella Soyuz alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) nel 2023. 

Secondo esperti russi del settore, l' inserimento di tale tipo di intrattenimento al programma del viaggio moltiplicherà l’importo da pagare per quattro volte. Quindi, considerando il prezzo di partenza per un volo nello spazio settimanale di 50 milioni di dollari, il prezzo finale con una passeggiata nello spazio aperto sarebbe di 200 milioni di dollari.

 senza una preparazione fisica idonea un turista spaziale non sarebbe in grado di agire autonomamente fuori dalla stazione senza l’assistenza di un astronauta esperto. Tuttavia, sottolinea Padalka, che ha all'attivo 878 giorni passati in orbita, l'opzione di uscita nello spazio aperto è stata proposta dall’Agenzia spaziale russa Roscosmos per trattenere parte del mercato del turismo spaziale, contrastando la premusibile diffusione di voli commerciali su navette spaziali di "targa" americana.

Le navette soyuz e il turismo spaziale

I veicoli spaziali russi Soyuz furono i primi su cui i turisti volarono nello spazio. Il primo di loro fu l’americano Dennis Tito che volò sulla ISS nel 2001. Entro il 2010 altri sei turisti furono portati alla stazione spaziale sui Soyuz conformemente ai contratti con Space Adventures. L'americano Charles Simoni volò nello spazio in questo modo due volte.