The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Cacciatorpedinieri russi con S-500 a bordo pronti ad attaccare ovunque nell’oceano

La società russa United Shipbuilding Corporation (OSK) conta sulla commissione di una grande serie di cacciatorpedinieri missilistici nucleari Leader.

Questo è quanto comunicato dal presidente della OSK, Aleksey Rakhmanov. Secondo lui questo potrebbe essere “l’inizio di una lunga serie di natanti per la navigazione di lungo corso”.

Significa forse che la Russia rafforzerà la propria presenza sugli oceani? Proviamo a capirlo insieme.

A cosa servono i cacciatorpedinieri?

Il cacciatorpediniere è la nave da combattimento più versatile di una flotta moderna. Può operare a qualsiasi distanza dalla costa d’origine, combattere con qualsiasi tipologia di natante e sommergibile, nonché contrastare i sorvoli dell’aviazione e dei missili. Un cacciatorpediniere ha dimensioni maggiori delle corvette e delle fregate e, in ragione di ciò, vanta una maggiore autonomia e maggiori capacità di combattimento. Ciononostante non è così complesso e costoso come, ad modello, un incrociatore nucleare missilistico o una portaerei.

Una moderna flotta della marina militare per la navigazione di lungo corso deve includere una divisione d’attacco costituita da portaerei oppure da grandi natanti d’attacco come gli incrociatori missilistici. Al fine di rafforzare questo nocciolo d’attacco della flotta e per garantirne la protezione vi sono i cacciatorpedinieri.

Questo gruppo d’assalto può essere anche coperto dall’aviazione costiera (ad modello, dagli aeromobili di lungo raggio Tu-22M3 e dai caccia MiG-31BM e Su-35), da sommergibili e da natanti di dimensioni inferiori in grado di operare nell’oceano come fregate e corvette.

Operazioni russa nel Mediterraneo

Relativamente a operazioni militari in mari chiusi come il Mar Nero o il Mediterraneo, nonché in relazione a operazioni antiterroristiche, il cacciatorpediniere è in grado di svolgere il ruolo di natante principale del gruppo d’assalto in grado di portare a termine missioni all’intimo di un teatro bellico di dimensioni limitate.

Va evidenziato anche un altro aspetto: in Unione sovietica i cacciatorpedinieri erano più equipaggiati rispetto che in Occidente. Ciò era dovuto al fatto che questi natanti in era sovietica dovessero essere il più versatili possibile: infatti, capitava loro di dover contrastare portaerei, sommergibili, navi di superficie del nemico senza però disporre di una copertura lato aviazione.

La scuola russa si pone in tal senso in qualità di successore della scuola cantieristica sovietica. Sebbene i moderni sistemi di armamenti permettano di installare un gran numero di piattaforme di lancio su qualsivoglia tipologia di superficie anche limitata.

Sarych non guida più la classifica

Tra il 1976 e il 1992 in Unione sovietica si costruì la serie di cacciatorpedinieri del progetto 956 Sarych. Si tratta di un natante piuttosto versatile che rientrava negli armamenti della Marina militare sovietica ed è presente anche nella Flotta russa e in quella cinese. Sin dalla fine degli anni ’80 i creatori di questo progetto lavorarono alla sostituzione del Sarych. Nel 2009 si cominciò a parlare della preparazione di un bando per scegliere l’appaltatore del progetto di un nuovo cacciatorpediniere per la Marina militare russa. La costruzione di questi natanti sarebbe cominciata già nel 2012.

In realtà le cose non andarono così rapidamente, ma i lavori sul precedente progetto della nuova imbarcazione furono effettivamente avviati. A metà del 2012 il capo della OSK dichiarò che il nuovo natante sarebbe stato equipaggiato con elementi di difesa antimissilistica e anticosmica.

Questo fu l’inizio dei lavori al nuovo progetto Leader.

Tanti natanti di superficie erano costruiti solo in URSS

Tre anni dopo fu deciso che il nuovo natante sarebbe stato dotato di un motore a propulsione nucleare. E infine nel giugno del 2015 il modello di cacciatorpediniere denominato progetto 23560E fu esibito per la prima volta in occasione dell’esposizione Armya 2015. Oggi possiamo parlare con un certo grado di probabilità dei progetti per la costruzione di una serie di cacciatorpedinieri prevista dopo il 2020. Probabilmente sarà il programma più grande relativo alla costruzione di natanti di superficie in tutta la storia post-sovietica. Dopo la caduta dell’URSS questa tipologia di natanti fu parzialmente ignorata. Infatti, la costruzione dei sommergibili fu ritenuta una scelta migliore: costano meno e i cantieri per la produzione di sommergibili erano meno in crisi durante gli anni ’90.