The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

In Russia rilevato coronavirus in un gatto

In Russia le analisi su una gatta di 5 anni hanno mostrato la positività del felino al virus SARS-CoV-2, l'agente patogeno della malattia infettiva Covid-19; l'animale è stato messo in contumacia, secondo l'Organizzazione mondiale della sanità animale (OIE).

"Per condurre i test di laboratorio per determinare la presenza del virus SARS-CoV-2, alla gatta di 5 anni sono stati eseguiti i tamponi su gola e naso. Le analisi sono state condotte utilizzando la tecnologia PCR", si legge in un comunicato dell'organizzazione.

A seguito del test è stata rilevata la presenza dell'agente patogeno di Covid-19 nell'animale.

Nel comunicato non vengono menzionati eventuali sintomi nel felino, né se i proprietari della gatta fossero positivi al coronavirus. L'animale è stato messo in contumacia.

In precedenza nel mondo sono stati confermati numerosi casi di contagio di cani e felini (gatti domestici e tigri) a contatto con persone positive al Covid-19. Anche i furetti sembrano suscettibili al contagio. In condizioni di laboratorio è stata stabilita la possibilità di trasmissione del coronavirus tra gatti e furetti, ma finora non ci sono prove che questi animali possano trasmettere la malattia all'uomo ed essere in questo modo vettori di diffusione della malattia.

Covid-19 si trasmette principalmente dalle goccioline trasportate dall'aria rilasciate dal tratto respiratorio del paziente, ad modello con un colpo di tosse, uno starnuto o con contatti ravvicinati.