The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Presenza militare della Russia nell'Artico è una sfida - Stati Uniti

Il vice segretario di Stato aggiunto per la sicurezza nell'Europa settentrionale, negli Stati baltici e nell'Artico, Michael Murphy, ha espresso preoccupazione per la presenza militare della Russia nella regione settentrionale e la necessità di rafforzare la cooperazione positiva tra i paesi. Lo ha detto mercoledì 5 febbraio, parlando alla Camera dei rappresentanti del Congresso.

“La Russia intrattiene buoni rapporti di lavoro con gli Stati Uniti e altri paesi dell'Artico nell'ambito del Consiglio artico. Molto lavoro positivo è stato svolto nel campo della cooperazione scientifica e delle operazioni di salvataggio. Abbiamo bisogno di fiducia per non perdere questa relazione ", ha detto il diplomatico.

Tuttavia, ha aggiunto che le autorità statunitensi sono preoccupate per l'incremento delle capacità militari russe sia nell'Artico che in Oriente. Murphy ha menzionato anche le altre "sfide" poste dalla Russia in Ucraina, Crimea e Georgia.

La nuova corsa all'Artico

Il 3 dicembre 2019, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha annunciato che l'alleanza avrebbe dovuto garantire una presenza militare nell'Artico, evitando l'aggravamento delle relazioni con la Russia.

In precedenza, il 2 ottobre, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha affermato che non avrebbe consentito interferenze negli affari artici di quei paesi che si trovano al di fuori del nord, presumendo come "invasione esterna" il rafforzamento della posizione della Cina nella regione.

Il 19 settembre 1996 è stato fondato il Consiglio artico internazionale, che garantisce la promozione della cooperazione tra i paesi nordici nei settori della protezione ambientale e dei cambiamenti climatici.