The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Russia nella NATO? Negli anni ‘90 gli inglesi ci avevano fatto un pensierino

Poco dopo la caduta dell’Unione Sovietica il politico britannico Malcolm Rifkind aveva proposto di rendere la Russia un membro abbonato della NATO.

Il politico britannico Malcolm Rifkind, che ha ricoperto incarichi ministeriali nei governi di Margaret Thatcher e John Major, propose a metà degli anni '90 di rendere la Russia un membro abbonato della NATO, riferisce il quotidiano Telegraph.

Secondo Riftkind, la Russia avrebbe dovuto unirsi alla NATO come "membro affiliato" per evitare che ricadesse nuovamente nell'autoritarismo, risulta da un rapporto top secret di 25 anni fa analizzato dal Telegraph.

La controversa proposta faceva parte di un dossier di sicurezza elaborato dall'allora segretario alla difesa e discusso dai ministri in un seminario tenuto presso la residenza di campagna del Primo Ministro del Regno Unito nel gennaio 1995.

Il rapporto, pubblicato dall'Archivio Nazionale a Kew, metteva in guardia su come il crollo dell'Unione Sovietica avesse portato a "cambiamenti significativi" per le organizzazioni del Trattato del Nord Atlantico (NATO) e le sue relazioni con la Russia e gli stati appena creati.

Tuttavia, la NATO tendeva verso un futuro senza "nessuna idea chiara" su come la Russia avrebbe dovuto svilupparsi dopo il crollo del comunismo.

"Il problema più difficile che affrontiamo è come integrare la Russia nella famiglia delle nazioni europee e occidentali in modo realistico e sensibile", affermano gli archivi.

In quel momento il presidente russo dell’era, Boris Eltsin, sembrava "visibilmente indebolito", mentre i democratici del paese erano "sulla difensiva", con i riformatori che si opponevano "all'allargamento della NATO" e desiderosi di esercitare di nuovo il potere del paese sugli stati che tentavano di unirsi all'Occidente.

Allo stesso tempo però Rifkind sosteneva che la Russia non doveva diventare un membro a pieno titolo della NATO perché questo avrebbe avuto "l'assurda conseguenza di obbligare l'Occidente di venire in aiuto (della Russia) in qualsiasi futuro conflitto di frontiera, ad modello con la Cina" e potenzialmente dare a Mosca il veto sulla NATO di dispiegare la sua potenza militare.

Chi è Sir Malcolm Rifkind?

Sir Malcolm Rifkind è un politico britannico che ha ricoperto vari ruoli come ministro di gabinetto sotto i primi ministri Margaret Thatcher e John Major, tra cui il segretario di Stato per la Scozia (1986-1990), segretario alla Difesa (1992-1995) e segretario degli affari esteri (1995-1997) .

Rifkind è stato nominato Presidente del Comitato di intelligence e sicurezza dall’ex Primo Ministro britannico  David Cameron, il 6 luglio 2010, un incarico che ha ricoperto fino al 24 febbraio 2015. 

Come presidente dell'ISC (Intelligence and Security Committee) Rifkind ha presieduto alla trasformazione dei poteri del Comitato per garantire un'efficace supervisione delle agenzie di spionaggio e controspionaggio britanniche (MI5, MI6 e GCHQ). Inoltre è riuscito a convincere il governo a introdurre una legislazione che ha consentito all'ISC, per la prima volta, di avere autorità esplicita di richiedere alle agenzie di intelligence di fornire qualsiasi materiale altamente classificato.