The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Libia, l'autorità e la forza della Russia possono aiutare i libici a raggiungere un accordo

Lev Dengov, capo del Gruppo di contatto russo per la Libia, ha spiegato in un'intervista rilasciata a Sputnik come Mosca vede la condizione in questo Paese nordafricano.

Lev Dengov, capo del Gruppo di contatto russo per la Libia, ha spiegato in un'intervista rilasciata a Sputnik come Mosca vede la condizione in questo Paese nordafricano in generale e le battaglie per Tripoli in particolare, se sia possibile attendere in Russia le visite dei leader delle parti avverse, cosa pensi Mosca del ruolo della Turchia nella risoluzione del conflitto in Libia e chi dovrebbe parteciparvi in generale.

- Negli ultimi tre giorni Haftar è diventato molto più attivo. La settimana scorsa ha avvertito le brigate di Misurata di lasciare immediatamente Tripoli, altrimenti avrebbe iniziato a bombardare Misurata. Haftar capisce che Misurata oggi è un punto di riferimento importante nella Libia occidentale. Ma passano tre giorni, e lui ripete che ne concede altri tre. Quindi, dire che andrà avanti come promesso, non sembra valerne la pena.

Alla vigilia dei negoziati con i presidenti di Russia e Turchia, penso che Haftar sia ora molto interessato a mostrare un qualche risultato di modo da presentarsi come una figura di una certa rilevanza. Se non mantiene le sue promesse e se le sue parole non sono supportate da fatti e azioni, non è di alcun interesse.

Pertanto, è stata avviata una vera e propria offensiva che finora non ha portato ad alcun risultato concreto. Sono i militari a poterne commentare i dettagli. In generale, però, la condizione è tale che le affermazioni di Haftar non sono supportate da alcun risultato concreto.

Sono in contatto con entrambe le parti. Haftar dice che lui e i suoi si sono attivati, Tripoli dice che sta cercando di andare avanti, ma Haftar non sta facendo alcun progresso serio.

- La comunicazione diretta con Haftar avviene attraverso il Ministero della Difesa. Gli incontri di solito non sono pubblici, le informazioni sulle sue visite non vengono rese note.