The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Gli Usa ripristinano alla Russia 16 decreti firmati dallo zar Nicola II

Il valore di 16 documenti storici che saranno consegnati dagli Stati Uniti alle autorità russe ammonta a più di 30.000 dollari. Lo ha riferito il servizio stampa del Dipartimento della sicurezza interna degli Stati Uniti.

La cerimonia della riconsegna dei documenti storici si terrà nella residenza dell’ambasciatore statunitense a Mosca Jonh Huntsman e sarà uno dei suoi ultimi eventi ufficiali. Il capo della missione diplomatica degli Stati Uniti si dimetterà infatti il 3 ottobre.

In precedenza l’ambasciata degli Usa aveva riferito che gli Stati Uniti avrebbero riconsegnato alla Russia i documenti dell’era dello zar Nicola II trafugati dagli archivi negli anni Novanta.

“Si tratta di decreti emanati da Nicola II e firmati tra il 1905 e il 1914. So che sono stati conservati nell'archivio federale di San Pietroburgo, da dove sono stati poi rubati e finiti negli Stati Uniti in una delle case d'asta”, ha spiegato il Dipartimento della sicurezza interna.

Il servizio stampa ha osservato che questa parte dei documenti è stata rubata da Vladimir Fainberg, noto per il caso sul ladrocinio nell’archivio federale. Dopo che questi documenti storici erano arrivati negli Stati Uniti, era possibile trovarli a varie aste o mostre. Così sono stati trovati i decreti dell’ultimo zar.

"I documenti sono stati messi all'asta nella città di Calabasas, in California. A quanto pare, le informazioni sui decreti sono state pubblicate su Internet dove sono state trovate da dipendenti del Ministero della cultura russo. Dopo aver visto che questi documenti erano stati messi all'asta, ce lo hanno comunicato e a quel punto abbiamo contattato la casa d'aste (...) Parlando direttamente di questi sedici documenti, per quanto ne so, sono stati venduti all’asta per 13mila dollari, ma quando li abbiamo inviati agli esperti per la valutazione professionale, loro li hanno valutati per un ammontare di 31-32mila dollari ", ha riferito il Dipartimento della sicurezza interna.