The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Esperti americani svelano obiettivi nuova dottrina nucleare della Russia

L'idea di sviluppare una nuova versione della politica russa nel campo della deterrenza nucleare mira a prevenire i conflitti, secondo gli esperti americani intervistati da Sputnik.

Ieri il Consiglio della Federazione ha proposto al al Consiglio di sicurezza di preparare una nuova versione della politica di deterrenza nucleare, che definisce le condizioni per l'uso di tali armi, nonché la formulazione di una risposta nel caso il nemico dovesse utilizzare armi strategiche non nucleari.

Olga Oliker, direttrice dei programmi russo ed eurasiatico presso il Centro di studi strategici e internazionali di Washington, ritiene che in qualche modo l'iniziativa di preparare una nuova versione della strategia possa essere collegata al desiderio di chiarire le recenti dichiarazioni di Vladimir Putin sul concetto di utilizzo di armi nucleari.

"La base di tutto questo è la deterrenza: avere un piano affidabile per usare armi nucleari in determinate condizioni non significa che la Russia intende usarlo, ma che manda un segnale agli avversari e ai potenziali nemici che determinate azioni da parte loro porteranno la Russia a usare armi nucleari. L'obiettivo è che queste azioni non vengano intraprese, che il nemico venga fermato, e che la Russia non abbia bisogno di reagire (con l'aiuto delle armi nucleari)", crede Oliker.

Secondo lei, una funzione importante dei "segnali di deterrenza" è quella di informare gli oppositori su quali saranno o potrebbero essere le circostanze dell'uso delle armi nucleari. "La spiegazione in un documento come questo sarebbe un modo diretto per inviare questi segnali e una buona alternativa all'ambiguità", ritiene l'esperto.

Allo stesso tempo, Oliker non si impegna a prevedere cosa esattamente verrà spiegato nel nuovo documento, se verrà stilato.

"Si può presumere che il limite minimo verrà un pò più abbassato, la Russia usarà armi nucleari, forse in misura minore, in risposta ad un attacco non nucleare strategico su alcuni interessi vitali? La Russia minaccerà l'uso di armi nucleari in risposta all'uso di armi ipersoniche come metodo per sconfortare l'uso di tali armi?" si chiede l'esperta.

La ricercatrice del Centro per la sicurezza e la cooperazione internazionale dell'Università di Stanford, Christine Wen Bruusgaard, si concentra anche sulle condizioni per l'uso delle armi nucleari da parte della Russia, che possono essere enunciate nel nuovo documento. È sicura che ciò possa essere di grande importanza in materia di deterrenza.

"Penso che la proposta qui di seguito sia molto interessante in termini di precisazione delle condizioni nelle quali la Russia considererebbe la possibilità di utilizzare armi nucleari. In parte, questo potrebbe essere stato influenzato dai commenti chiarificatori del Presidente Putin al forum Valdai di quest'anno sull'uso delle armi nucleari, e dal desiderio di chiarire ulteriormente l'idea che la Russia considererebbe l'uso di armi nucleari come risposta a attacchi su larga scala con armi convenzionali ad alta precisione o ipersoniche" dice l'esperto. Secondo lei, le attuali disposizioni della dottrina militare sono già "a sufficienza chiare su questo punto", ma è possibile che qualcuno sia interessato a chiarire ulteriormente le condizioni.

"Il dibattimento in Occidente e la confusione su quale sia la strategia nucleare russa potrebbe aver stimolato le discussioni in seno al Consiglio della Federazione sulla necessità di chiarire la strategia", ha affermato Bruusgaard.

Allo stesso tempo, l'esperto sottolinea che l'iniziativa è nelle prime fasi della discussione e la posizione del Ministero della Difesa e del Consiglio di sicurezza russo è ancora sconosciuta.