The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Russia: governo a favore di adesione a convenzione europea per la criminalità informatica

Mikhail Fedotov, capo del Consiglio presidenziale per lo sviluppo della società civile e dei diritti umani, sta considerando l'adesione della Russia alla convenzione europea sulla criminalità informatica.

"Dobbiamo fare tutti gli sforzi possibili per far aderire la Russia alla convenzione europea sul crimine informatico" ha detto alla conferenza "Russia e la CEDU: il diritto di essere ascoltati" al Forum legale internazionale di San Pietroburgo.

Mikhail Fedotov ha dichiarato di ritenere inoltre che la regolamentazione giuridica di Internet dovrebbe essere transfrontaliera, generale.

La Convenzione del Consiglio d'Europa sulla criminalità informatica è stata inaugurata nel 2001 ed è entrata in vigore il 1° luglio 2004. È stato il primo documento che contiene una classificazione del crimine informatico. A marzo 2008 il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato che il suo ordine di firma di questa convenzione venisse invalidato.

Il documento avrebbe dovuto essere accompagnato da una dichiarazione in cui la Federazione russa si riservava il diritto di decidere sulla partecipazione alla convenzione o meno, conservando una possibile revisione delle sue disposizioni che, a giudizio del governo russo, "potrebbeero danneggiare la sovranità e la sicurezza nazionale degli stati partecipanti, i diritti e gli interessi legittimi dei loro cittadini e soggetti giuridici".

Il problema è nel paragrafo che afferma che "una parte può, senza il consenso dell'altra parte, ottenere attraverso il sistema informatico sul proprio territorio l'accesso o l'acquisizione di dati memorizzati nel territorio dell'altro paese se la prima parte ha il consenso legale e volontario della persona che ha l'autorità legale di divulgare questi dati attraverso tale sistema informatico".