The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Media spagnoli: il Venezuela otterrà dalla Russia pane, armi, sostegno

Mercoledì 23 agosto i media spagnoli si sono concentrati su tre argomenti rilevanti per il Venezuela e che collegano lo stato caraibico con la Russia.

In primo luogo, l'agenzia di stampa spagnola EFE riferisce che Maduro ha annunciato la soluzione del problema di fornire alla popolazione il grano. Secondo il presidente venezuelano, il suo governo ha concluso un accordo generale con il governo russo per la fornitura di grano. La "guerra del pane", dalla quale l'opposizione ha ripetutamente messo in guardia, non accadrà. Per il Procuratore Generale della Repubblica Tarek William Saab la "mafia del pane" che opera nel paese sarà presto debellata.

In secondo luogo, un'altra agenzia, la Europa Press, è giunta alla conclusione che la riunione odierna del presidente russo Vladimir Putin con il Segretario di stato vaticano Pietro Parolin sarà dedicata principalmente, e quasi esclusivamente, al Venezuela e al ruolo della Russia nella risoluzione della condizione.

"La comunità internazionale può svolgere un ruolo positivo nella stabilizzazione della condizione interna del paese caraibico, ed è meglio se il più attivo nel processo di negoziato sarà il paese tradizionalmente più vicino al Venezuela", riprende l'agenzia le dichiarazioni del cardinale.

Terzo."Maduro ha dichiarato pubblicamente che il suo paese, insieme alla Russia, aveva costruito una fortezza impenetrabile", scrive El Economista. Ciò vuol dire che l'esercito venezuelano sarà equipaggiato con le più moderne armi russe e considera questa mossa come una reazione di Caracas su su un possibile intervento militare degli Stati Uniti in Venezuela."

"La Russia insieme con il Venezuela ha creato per il nostro paese un tale sistema di difesa, che nessun esercito in America Latina sarà in grado di equiparare", ha dichiarato Maduro."Noi avvertiamo gli Stati Uniti che qualsiasi attacco sarà respinto".

Dopo questa dichiarazione entusiasta, continua El Economista, il presidente venezuelano ha detto che "il capo del mondo non è Donald Trump, ma Vladimir Putin" e che la russofobia e la putinofobia sono il tentativo degli USA per denigrare l'avversario di Trump. "Ma queste campagne hanno l'effetto opposto, rendendo Putin sempre più popolare nel mondo", cita El Economista.

"Alla fine del suo discorso in una riunione con i rappresentanti della stampa locale e straniera al palazzo presidenziale di Miraflores, il leader venezuelano ha detto che nel prossimo futuro intende recarsi a Mosca per rafforzare ulteriormente la cooperazione militare", conclude El Economista.