The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

I granai sono pieni: gli USA riconoscono la preminenza della Russia nel mercato generale del grano

Soltanto 20 anni fa la Russia importava grano, mentre ora ne è il principale Paese esportatore. Gli USA in merito ammettono che è una vera e propria svolta.

Le principali ragioni di questo progresso sono buoni raccolti, la possibilità di controllare i prezzi e una produzione ad elevato contenuto tecnologico. Sul mercato generale la Russia ha già da tempo superato sia Europa sia America. È altamente improbabile che la concorrenza della Russia riesca a recuperare la quota di mercato perduta. Sputnik ha scoperto per voi, in che modo la Russia è riuscita in così breve tempo a figurare tra i leader di questo comparto.

Espansione del grano

Il grano è il principale articolo tra i cereali russi d’esportazione. Già nel 2018 abbiamo superato il nostro principale concorrente, gli USA. Ma i problemi per gli americani sono cominciati già nel 2016 quando la quota di loro produttori sul mercato generale ha toccato i valori minimi degli ultimi 10 anni. Il Ministero statunitense dell’Agricoltura ha calcolato che il 22% delle forniture globali di grano è imputabile alla Russia, il 14 all’UE e solo il 13 agli USA.

Le aziende agricole statunitensi stanno subendo una massiccia ondata di fallimenti e incolpano di questo Mosca. La ragione, però, è un’altra: la guerra commerciale scatenata da Washington ha aumentato i dazi di importazione cinese sul grano fino al 25%. Di fatto Trump ha colpito così i suoi stessi produttori. Anche la congiuntura generale ha avuto un suo peso. L’offerta eccedentaria di grano ha ridotto di circa la metà i prezzi rispetto ai valori massimi del 2012. Questo ha reso più difficile l’ottenimento di un profitto in dollari.

Alla luce della contrazione ormai pluriennale dei prezzi l’agricoltura russa prospera. Il Paese ha esportato oltre 40 milioni di tonnellate di grano, ossia due volte in più rispetto all’anno scorso. Si tratta di un record assoluto nell’ultimo quarto di secolo. La Russia ha superato gli USA diventando il maggiore esportatore al mondo nel 2016 e nel 2018, come riporta The Wall Street Journal.