The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Russia, perché negli ultimi vent'anni l'estrema destra ha ucciso quattro volte più che in Europa

Se globalmente, per il quarto anno consecutivo, si riducono i morti provocati dal terrorismo, in Europa occidentale, in Oceania e Nord America il numero di attacchi motivati da ideologie di estrema destra è cresciuto del 320% dal 2014. Lo rivela l'annuale Global Terrorism Index dell'Institute for Economics and Peace.

Non considerando gli episodi che hanno provocato vittime nel 2019, come l'attentato di Halle, in Germania, nel 2018 il numero di attacchi mortali legati ad estremisti di destra in Europa occidentale si è livellato con quello russo, dove il problema è storicamente ben più grave.

Forse non tutti sanno che nella terra di Putin, negli ultimi 20 anni, ci sono stati 486 attacchi mortali legati al mondo del patriottismo fanatico e dell'estremismo di destra: più del quadruplo di quelli occorsi parte ovest del nostro continente (109) e negli Stati Uniti (113).

Nel periodo 2000-2017, in Russia il tasso di violenza per milione di abitanti è stato sette volte maggiore che dalle nostre parti. Perfino più di Germania (x4) e Svezia (x2), gli stati in Europa che hanno conosciuto più attacchi violenti mortali ad opera di fanatici di estrema destra.

Questi numeri emergono non tanto dal Global Terrorism Index quanto da una ricerca di Jacob Aasland Ravndal e Johannes Due Enstad, del Centro di Ricerca sull'Estremismo dell'Università di Oslo. I due studiosi hanno preso in considerazione i soli attacchi che hanno provocato vittime per ovviare al problema delle diverse categorizzazioni transnazionali e alla mancanza di dati circa ferimenti o crimini d'odio non letali.

Perchè in Russia l'estremismo di destra ha ucciso più che in Europa?

Come si spiega questa scia di sangue legata alla sub-cultura del patriottismo fanatico etnico, razziale e culturale? Secondo Enstad, è dovuta ad una combinazione dei seguenti fattori:

Secondo il Centro di Ricerca sull'Estremismo norvegese, i più alti livelli di terrorismo trovano terreno fertile in quelle che gli studiosi chiamano in lingua inglese anocracies, ovvero forme intermedie di governo a cavallo tra la democrazia e la dittatura. Proprio perché, sia in democrazia che in uno stato autocratico, i livelli di violenza terroristica sono più bassi - anche se per opposte ragioni.

A partire dal 2009, però, la Russia di Putin ha avviato una decisa stretta poliziesca contro la violenza di estremisti e nazionalisti, anche perché nel mirino erano finiti anche avvocati, esponenti di primo piano della società civile e perfino membri delle forze dell'ordine.

"Le autorità russe hanno investito più nella lotta contro gli skinheads e li hanno messi in prigione in grandi numeri, non esistando a comminare ergastoli".

Oggi, il ristretto campo all'estrema destra di Russia Unita (il partito di Putin) è abitato da due fazioni divise: i "putinisti", in maggioranza, e i critici del presidente, imputato di benevolenza verso i migranti e di non rappresentare più la causa etno-nazionalista.

Il divario si è fatto ancor più ampio dal 2014 quando, dopo l'invasione della Crimea, i nazionalisti russi si sono ulteriormente divisi tra coloro che hanno appoggiato l'operazione militare e coloro che invece volevano esportare la rivoluzione ucraina Euromaidan anche a Mosca per rovesciare il governo di Putin. Sappiamo tutti com'è andata a finire.