The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

RuPaul sulla RuNet: la ‘Drag Race’ conquista la Russia

È drammatico, è bello, è gay, e arriva con sottotitoli in russo: dal 2014, un gruppo di traduttori volontari sul social media russo VKontakte ha lavorato per portare ‘RuPaul's Drag Race,’ [en, come i link seguenti] un reality show americano vincente di diversi premi e che documenta la ricerca da parte della drag internazionale RuPaul Charles per la prossima drag queen superstar d'America, su internet in lingua russa.

Dalla sua formazione tre anni fa, il gruppo VKontakte [ru] dedicato a RuPaul ha attratto un team dedicato di 10 traduttori e si è espanso fino a raggiungere un pubblico di più di 5000 spettatori abituali in tutta l'ex Unione Sovietica. Hanno tradotto più di 70 episodi dello show (ora alla sua nona stagione), in cui uomini assumono le identità  di donne, si vestono come donne, e competono per il titolo di “America's Drag Superstar” attraverso una serie di estenuanti sfide.

Per Nikita, uno studente gay in Russia che aiuta a tradurre Drag Race, lo show ha fornito un promemoria di cui necessitava che va bene essere se stesso. Nikita, che vive in un paese in cui una ‘legge contro la propaganda gay‘ e le norme culturali conservative marginalizzano le minoranze sessuali, ha detto a RuNet Echo che lo show dimostra che non solo va bene cambiare l'espressione di genere di uno e accogliere il proprio orientamento sessuale, ma è una libertà che dovrebbe essere celebrata e anche ricompensata.

Mostrare lo show a un pubblico più vasto in Russia non è un compito facile. Mentre è a sufficienza facile guardarlo online, catturare tutte le sfumature dello show per il mondo dei parlanti russo è una sfida. Gran parte dei dialoghi in Drag Race includono l'uso di slang specifico delle comunità LGBT e drag negli Stati Uniti — un gergo che non è così sviluppato in russo.

Sebbene la cultura drag sia meno sviluppata in Russia rispetto all'occidente, esiste, principalmente di nascosto. Conosciuto come, travestimento, è presente in Russia da decenni e continua ad vivere nonostante la pressione dello stato contro i gruppi LGBT e l'aumento dei crimini d'odio contro i membri della comunità LGBT. Nel 2014 Nightline delineò il profilo di una drag Russa che scappò dal paese e verso gli Stati Uniti dopo violenti attacchi al club a Mosca dov'era solita esibirsi.

Per tradurre un episodio dello show ci vogliono dai quattro giorni alle due settimane e mezzo. Appena un episodio diventa disponibile, i traduttori lo comunicano attraverso una chat di gruppo e decidono chi tra di loro si occuperà di quale sezione, solitamente una clip di 10-20 minuti di episodi che durano fino a 45 minuti. Ognuno invia le proprie traduzioni ad un editore prescelto che poi unisce insieme i sottotitoli. “Ognuno fa quanto può.” Dice Nikita.

Ciononostante, a volte i traduttori si bloccano. Prendi, ad modello, la challenge rap nella stagione 6, durante la quale il concorrente Joslyn Fox (il cui nome reale è Patrick Joslyn) ha usato la parola “motherfishin.” Nella cultura drag, “fishy” descrive una drag queen che ha un aspetto così femminile che potrebbe essere scambiata per una vera donna dal vivo. E per un nativo o quasi nativo parlante inglese, il gioco di parole con un'imprecazione non andrebbe perso. Ma senza un vocabolario del genere in russo, il gioco di parole per gli stranieri rischia di andare perso. Nikita ha spiegato, “Il più grande problema con la traduzione di RuPaul's Drag Race è la mancanza di una cultura drag sviluppata in Russia, e con questo, una mancanza di vocabolario abbonato.”

“Ho pensato riguardo [motherfishin’] per due mesi e poi ho avuto un'epifania,” Elizabeth Rusakova, una dei principali traduttori del gruppo, ha detto a RuNet Echo. “C'è un pesce chiamato sterliad‘ (storione), e sembra una combinazione delle parole sterva (strega) e bliat’ (c****)… Nella mia testa, è scattato qualche cosa, ed ho capito che era la parola perfetta.”

Altre volte, è un po’ meno complicato. Quando uno dei concorrenti vince una sfida, RuPaul dice sempre “Condragulazioni!” che viene cambiato dal team di VKontakte sempre con pozdragliayu invece del normale pozdravliayu (congratulazioni), creando anche un equivalente vocabolario per gli spettatori russi.

Per ottemperare alle leggi russe, tuttavia, gli amministratori del gruppo VKontakte sono costretti a mantenere uno stretto controllo riguardo chi può accedere agli episodi, molti dei quali sono piratati da altri siti. “Accettiamo nel gruppo persone dai 18 anni in su. Se non possiamo vedere l'età di una persona sul suo profilo, o se non ha postato foto, ignoriamo la richiesta. Se una persona non sembra di quell'età, non la accettiamo nel gruppo e talvolta gli chiediamo di confermare la sua età tramite messaggio privato,” Elena, un amministratore del gruppo, ha spiegato a RuNet Echo.

Nonostante le sfide per adattarsi agli spazi dei media russi, legalmente e linguisticamente, il team di traduzione russo di RuPaul è all'unanimità d'accordo sull'utilità del loro lavoro per i fan, chi si identifica come LGBT o altro. Un'altra traduttrice, Elizabeth, ha detto a RuNet Echo che “Mama Ru è un sorso di libertà nella società conservativa che ci circonda costantemente. Lo show ispira e ti fa capire che puoi essere te stesso. Mama Ru è una grande fonte di forza.”

Nikita era preparata alle sfide che il gruppo affronta, anche all'intimo della comunità LGBT. “La comunità gay in Russia è molto intollerante. I maschi o gli omosessuali ‘naturali’ pensano che tutte le persecuzioni contro i gay avvengano a causa dei gay più effeminati. A loro volta, loro pensano che proprio perché alcuni di loro non escono allo scoperto, i gay saranno sempre presi di mira dagli omofobi.” Drag Race accoglie la femminilità e prende una posizione contro coloro nella comunità gay che discriminano le persone con un'identità più femminile. Questo problema spesso si riversa nei siti d'incontri gay, dove uomini che si identificano come più mascolini o ‘masc’ spesso evitano coloro che si identificano come più femminili scrivendo “no fems” sui loro profili. RuPaul stesso ha parlato di questo problema affermando che “gli oppressi prendono le caratteristiche dei loro oppressori.” Cionondimeno, Nikita vede lo show come una fonte di speranza. “C'è una frattura addirittura nella comunità e spero che questo show possa aiutare a riunire le persone.”

Nota: i nomi completi dei traduttori non sono stati usati in questo articolo per proteggere le loro identità, poiché i membri della comunità LGBT in Russia sono una minoranza discriminata.