The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

La Russia è il terzo mercato fintech più sviluppato al mondo

La penetrazione dei servizi di fintech in Russia è tra le più alte al mondo: oltre l’80% della popolazione utilizza tali servizi con trasferimenti di denaro e pagamenti tra i più popolari. Tuttavia, i russi non si fidano dei fornitori di servizi indipendenti e sono riluttanti a condividere i loro dati bancari.

Otto russi su dieci (82%) utilizzano una sorta di servizio di fintech che rende il paese il terzo mercato più sviluppato al mondo dopo Cina e India, afferma bneIntelliNews citando uno studio di Ernst & Young. Secondo lo studio, i trasferimenti di denaro e i pagamenti sono il servizio finanziario più popolare tra i russi, poiché il 90% dei residenti nel paese ha utilizzato il servizio almeno una volta.

Anche la consapevolezza di altri servizi fintech è piuttosto elevata (tra l’81% e l’86%).

Tuttavia, ci sono servizi che i russi difficilmente usano come investimenti in titoli. Risparmi, investimenti, budget e pianificazione finanziaria sono le aree con il più alto potenziale di sviluppo, considerano gli autori dello studio. Sottolineano inoltre che i modelli di sviluppo di fintech seguono normalmente quelli del tradizionale mercato finanziario.

Nel complesso, il sistema finanziario russo è relativamente giovane e quindi più facile per i clienti abbracciare le innovazioni. Il sistema finanziario russo non è conservatore come in Europa, secondo Roman Prokhorov, il capo dell’associazione Financial Innovations.

“Fondamentalmente, siamo passati dai libri di risparmio [di era sovietica] ai pagamenti tramite telefono cellulare quasi da un giorno all’altro”, afferma aggiungendo che i consumatori russi sono più ricettivi alle innovazioni fintech, il che spiega la popolarità dei servizi.

Secondo Prokhorov, il sistema finanziario russo è concentrato attorno alle banche e gli istituti bancari sono investitori chiave in progetti fintech. “Di conseguenza, è più facile per una start-up fintech svilupparsi […] come parte dell’ecosistema di un grande istituto finanziario”, spiega. I clienti preferiscono le offerte delle banche tradizionali o delle compagnie assicurative ai servizi offerti da società esterne al settore finanziario.

Quasi la metà dei russi è pronta a fidarsi di aziende esterne al settore che hanno una partnership con un istituto finanziario tradizionale, ma nel caso in cui non vi sia alcuna partnership, questa cifra scende al solo 13%, si legge nello studio.

I russi non sono solo diffidenti nei confronti dei fornitori indipendenti di servizi fintech, ma sono anche riluttanti a condividere i propri dati bancari. Secondo lo studio, solo il 18% degli utenti russi di servizi fintech è disposto a farlo, rispetto alla cifra generale media del 46%.

Tuttavia, gli esperti ritengono che la nuova legge sull’attrazione dei finanziamenti con l’uso delle piattaforme di investimento, in vigore dal 1 ° gennaio 2020, diventerà probabilmente un motore del segmento fintech e incoraggerà l’arrivo di nuovi servizi da società non finanziarie come il crowdfunding. La legge introduce la definizione di “piattaforma di investimento” e prevede clausole per gli investimenti su tali piattaforme, afferma bneIntelliNews.